Novità e iniziative
approfondimenti
05 febbraio 2021

Confesercenti Lombardia sostiene la richiesta della Regione di estendere almeno alle 22 l'orario di apertura dei Ristoranti

Ristoranti

Regione Lombardia ha richiesto formalmente al Governo che i ristoranti e le attività assimilabili possano svolgere la loro attività fino alle ore 22.

Gianni Rebecchi, Presidente Confesercenti Lombardia, ha confermato il supporto dell'Associazione nella richiesta formulata dalla Regione«E' una richiesta che noi per primi, anche a livello nazionale, abbiamo portato avanti, perché riteniamo fondamentale i comparti della ristorazione e del turismo possano ripartire in sicurezza».

«La seconda ondata ha colpito fortemente il settore della ristorazione, che cuba centinaia di migliaia di posti di lavoro e migliaia di Imprese» - ha aggiunto Rebecchi - «E' necessario ripartire in sicurezza e il settore ha già dimostrato di essere capace di farlo».

<<Un’azione che ci fa ben sperare - riprende Rebecchi - unitamente ad alcune aperture del CTS, che ha condiviso di valutare in modo differente i diversi profili di rischio all’interno del variegato settore della ristorazione, ma che ancora non è sufficiente. Da tempo auspichiamo un cambio di rotta e abbiamo avanzato proposte che ci sembrano ragionevolmente percorribili al netto del rispetto di tutte le misure di contenimento dell’epidemia. Il comparto degli esercizi pubblici è in ginocchio dopo avere subito decisioni ingiuste. Una categoria prima additata come fonte unica di contagio e poi demonizzata, imprenditori che si sono sacrificati per il bene comune, ma che ora rischiano il tracollo. Per questo chiediamo una pronta risposta da parte del Governo alle nostre legittime richieste e a quelle della Regione».
Per Vincenzo Butticé portavoce Fiepet della Lombardia, non basta quanto richiesto da Regione: «Va bene l’estensione dell’apertura alle 22 e anche oltre, come da sempre abbiamo chiesto a gran voce - spiega -, ma accanto a questa ci devono essere altre tre contromisure: in zona arancione le attività devono essere messe nelle condizioni di lavorare durante le ore diurne e deve essere reintrodotta la vendita d’asporto anche per i bar senza cucina dopo le 18.00; mentre chi svolge attività di mensa aziendale deve potere offrire il proprio servizio non solo ai dipendenti di ditte convenzionate, ma anche a liberi professionisti e lavoratori autonomi, che per tipologia di occupazione si spostano e hanno necessità di punti di ristoro. Inoltre, serve fare presto: questi nuovi criteri segnano sì finalmente un cambio di prospettiva, ma devono essere messi in pratica attraverso un nuovo immediato Dpcm per consentire di riprendere a lavorare con continuità e in piena sicurezza».

Vuoi maggiori informazioni?

Compila la form qui a fianco e sarai ricontattato al più presto