Novità e iniziative
approfondimenti
15 ottobre 2020

CoronaVirus, linee guida per attività economiche e produttive lombarde dal 16 al 19 Ottobre

Diapositiva21

Regione Lombardia ha emanato la nuova Ordinanza n. 619 che stabilisce le disposizioni in vigore da venerdì 16 ottobre fino a lunedì 19 ottobre 2020.

Tale Ordinanza proroga le disposizioni delle precedenti Ordinanze regionali (in particolare paragrafo 1.4 dell’Ordinanza n. 573 del 29 giugno 2020, Ordinanza n. 579 del 10 luglio 2020, Ordinanza n. 609 del 17 settembre 2020) e dispone il divieto di accesso alle RSA se non espressamente autorizzato dal responsabile medico, sempre adottando tutte le misure per prevenire il contagio.

Per gli aspetti non diversamente disciplinati dall’Ordinanza n 619 del 15 ottobre resta valido quanto previsto dalle misure disposte dal DPCM del 13 ottobre (clicca qui per leggere l'articolo dedicato) scorso che ha validità dal 14 ottobre fino al 13 novembre e che ha introdotto le seguenti novità:

  • attività dei servizi di ristorazione (ristoranti, bar, pasticcerie, gelaterie) consentite fino alle 24 con servizio al tavolo sino alle 21 in assenza di servizio al tavolo. Oltre tali ore, è comunque consentita la ristorazione con consegna a domicilio e la ristorazione con asporto ma è vietata in ogni caso la consumazione sul posto o nelle adiacenze dei locali. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione siti in ospedali e aeroporti.

  • obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie raccomandazione di utilizzare gli stessi anche all’interno delle abitazioni private, se sono presenti persone non conviventi;

  • divieto di svolgere gare, competizioni e altre attività connesse agli sport di contatto aventi carattere amatoriale;

  • sospensione delle attività all’interno di sale da ballo, discoteche e locali assimilati, sia all'aperto che al chiuso;

  • divieto di svolgere feste in tutti i luoghi, sia all'aperto che al chiuso e ulteriori indicazioni per le feste connesse a cerimonie civili o religiose (partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida);

  • sospensione di viaggi d'istruzione, iniziative di scambio o gemellaggio, visite guidate e uscite didattiche programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

Resta obbligatoria, per i clienti dei locali di ristorazione che consumano al tavolo e per l'accesso a parchi tematici, faunistici e di divertimento, la misurazione della temperatura.

Sono confermate, peraltro, le prescrizioni e le raccomandazioni per i datori di lavoro, tra cui gli obblighi di misurare la temperatura di tutti i dipendenti, di comunicare tempestivamente i casi sospetti al medico competente (che provvederà a segnalare all’ATS di riferimento eventuali casi) e la raccomandazione di utilizzare l’app “AllertaLom” e compilare il questionario “CercaCovid”.

In caso di sintomi, il lavoratore deve darne immediata comunicazione al proprio medico di medicina generale (MMG) e segnalare il mancato accesso al luogo di lavoro.

All’ingresso delle scuole dell’infanzia, così come nelle sedi dei servizi educativi, è fortemente raccomandata la misurazione della temperatura nei confronti dei bambini e dei genitori/adulti che li accompagnano. Nel caso in cui venga rilevata una temperatura superiore ai 37.5 °C al bambino o ai suoi accompagnatori, l’accesso non sarà consentito.

Vuoi maggiori informazioni?

Compila la form qui a fianco e sarai ricontattato al più presto