Novità e iniziative
approfondimenti
05 gennaio 2022

Nuovo Decreto: obbligo vaccino per Over 50, Green Pass Base per accesso ai servizi alla persona, banche, uffici pubblici e attività commerciali

57B6A883 39A5 4AC6 A9AA 4BED7AAAEB9C

Il Consiglio dei Ministri, in considerazione dell'espandersi della variante Omicron del Covid-19, ha approvato un nuovo Decreto che prevede misure ulteriormente restrittive, come l'obbligo di vaccino per gli Over 50 e l'estensione dell'obbligo di Green Pass base a una platea più ampia di attività

Di seguito un breve elenco delle disposizioni del nuovo provvedimento, riportate dalle fonti di stampa, di interesse per le attività economiche:

  • Obbligo del vaccino per Over 50 fino al 15 giugno, restano esentati i casi di "accertato pericolo per la salute", attestate dal medico di medicina generale o dal medico vaccinatore.

  • Super Green Pass al lavorodal 15 febbraio per lavoratori pubblici e privati - compresi quelli in ambito giudiziario e i magistrati - che hanno compiuto i 50 anni. Coloro che non lo faranno non riceveranno lo stipendio ma conserveranno il posto di lavoro venendo considerati "assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro, fino alla presentazione". L'accesso ai luoghi di lavoro senza certificato che attesti vaccino o guarigione è vietato e chi non rispetta il divieto subirà una sanzione amministrativa tra 600 e 1500 euro. Tutte le imprese, senza eccezione dunque sul numero complessivo di dipendenti, potranno sostituire i lavoratori sospesi perché sprovvisti di certificazione verde. La sostituzionerimane di dieci giorni rinnovabili fino al 31 marzo 2022.

  • Obbligo di Green Pass base esteso per l'accesso a: 

    • servizi alla persona (fra cui acconciatori, barbieri, estetisti, tatuatori, servizi dei centri benessere, servizi di cura degli animali da compagnia, organizzazione di feste e cerimonie), dal 20 gennaio 2022;

    • pubblici uffici, dei servizi postali, bancari e finanziari, delle attività commerciali, fatte salve quelle necessarie per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona, individuate con DPCM entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del DL, dal 1° febbraio o dalla diversa data eventualmente stabilita dal DPCM.

L'articolo verrà aggiornato alla pubblicazione del Decreto in Gazzetta Ufficiale.

Vuoi maggiori informazioni?

Compila la form qui a fianco e sarai ricontattato al più presto